Cagliari: si chiamerà “Sardegna Arena” il nuovo stadio provvisorio

Via ufficiale al cantiere accanto al Sant’Elia. Potrebbe essere pronto in 4 mesi

di Antonio Tore

Si chiamerà “Sardegna Arena” Il nuovo stadio provvisorio del Cagliari. il nome lo hanno svelato oggi il presidente della squadra rossoblù Tommaso Giulini, insieme al presidente della Regione Francesco Pigliaru e il sindaco del capoluogo Massimo Zedda. Il taglio inaugurale del nastro è stato dato  questa mattina, anche se la recinzione degli spazi e le opere di inizio di smantellamento del manto stradale era già avvenuto da circa 10 giorni.

“Sardegna è un nome che vogliamo portare in giro per l’Italia – ha detto il presidente Giulini – e speriamo che, un giorno, possa essere famoso anche in Europa”.

“Per completare l’opera ci vorranno almeno quattro mesi – ha detto il presidente del Cagliari – e da oggi sino al completamento dei lavori saranno impiegate oltre centocinquanta persone. Si lavorerà giorno e notte, sabato e domenica. Ci piacerebbe inaugurarlo per la prima partita del prossimo campionato. Questo sarebbe un miracolo: ci proveremo a farlo accadere!”.

Giulini ha poi ringraziato tutti i Comuni che avevano offerto la disponibilità a ospitare lo stadio provvisorio, dal sud della Sardegna al nord fino ad Olbia”.  E’ un importantissimo investimento – ha detto il governatore Pigliaru – che dà opportunità di lavoro e, si spera, anche di ricchezza. Il nome scelto dalla società è un bel nome che  rappresenta un possibile motivo di attrazione, anche turistica, insieme ad altri impianti nell’isola”.

 Il sindaco Zedda ha parlato delle connessioni e della integrazione del nuovo impianto al resto del territorio, a partire dal quartiere di Sant’Elia, oggetto di attenzione da parte dell’Amministrazione comunale, con le opere di riqualificazione in essere e quelle future, con la creazione di un Parco e il completamento della passeggiata e del porticciolo.

Sarà di circa 8 milioni di euro l’investimento previsto dalla società rossoblù. I posti a sedere saranno 16.233.  Sono previsti 15 Sky box mentre le panchine dei giocatori saranno in tribuna, come, ad esempio negli stadi inglesi o allo Juventus Stadium. La distanza dal campo sarà di 7 metri.

Per gli spalti saranno utilizzate le tribune che saranno smontate dal Sant’Elia  e sarà, inoltre, ricostruita la Main stand utilizzata dalla società a Quartu Sant’Elena a Is Arenas. In questo settore troveranno spazio anche gli spogliatoi e alcune sale mediche.

Al primo piano è prevista un’area bambini e tre sale ospitalità e catering per 437 metri quadrati. Nel piano terra si sta studiando l’ipotesi di un percorso multimediale sulla storia del Cagliari.

Commenta!

diciotto − 7 =