Cagliari: in viale Elmas nascerà la nuova Cittadella finanziaria

Agenzia delle Entrate e Demanio investiranno oltre 50 milioni negli stabili dell’aerenautica militare tra viale Elmas e via Simeto

Di Antonio Tore

Sorgerà negli ex magazzini dell’Aeronautica militare tra via Simeto e viale Elmas la nuova Cittadella finanziaria di Cagliari.
La direttrice dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi, Il direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e il Provveditore alle Opere Pubbliche del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vittorio Rapisarda, hanno firmato la convenzione per la progettazione e la direzione dei lavori finalizzata a riqualificare l’area e la costruzione della nuova cittadella finanziaria a Cagliari.

L’investimento, di oltre 50 milioni di euro, permetterà, una volta completate le opere di risanamento e costruzione, di accorpare in una unica sede tutti gli uffici, attualmente dislocati in varie strutture.
In particolare, quando i lavori saranno completati (si parla del 2023) saranno accorpati gli uffici della Direzione regionale e di quella provinciale di Cagliari, l’Ufficio Provinciale Territorio-Cagliari, il CAM e il Centro Operativo di Cagliari.
“Con questa operazione sarà possibile risparmiare circa 4 milioni di euro, che corrispondono al costo degli affitti che attualmente sosteniamo per i quattro uffici – ha detto la direttrice dell’Agenzia delle Entrate Orlandi -. E’ importante, poi, per i cittadini che abbiano come riferimento un unico polo che assicurerà tutti i servizi necessari, sia fiscali che catastali e che saranno integrati in un unico ambiente di lavoro”.

“L’Agenzia del Demanio – ha invece dichiarato Reggi – è impegnata nell’attività di ottimizzazione e razionalizzazione degli spazi occupati dalle Amministrazioni pubbliche.
Il nostro obiettivo è di ridurre la spesa e i consumi per gli affitti.
L’accordo stipulato oggi ci consentirà di conseguire un risparmio significativo per lo Stato e di creare anche una sede di servizio che, sicuramente, sarà più funzionale per i cittadini”.

“E’ l’occasione – ha detto Rapisarda – per realizzare un’architettura a scala urbanistica che si ripropone di riqualificare un’ampia area della città e, in questo, siamo in sintonia anche con l’amministrazione comunale. Speriamo che nel tempo, si possa dialogare anche sulla necessità di avere servizi pubblici di trasporto efficienti e puntuali”.

Commenta!

dieci + dodici =