Sassari: Si suicida nel carcere di Bancali  un 43enne di Olbia

I sindacai della polizia penitenziaria definiscano  inaccettabile che tali episodi si verifichino in carceri moderne e nuove come quella di Sassari

Di Annalisa Pirastu

Ancora un  suicidio nelle carceri sarde, questa volta a Bancali, carcere di Sassari. La vittima è un carcerato di Olbia di 43 anni. E’ subito polemica da parte del  segretario generale aggiunto dell’ Osapp, Domenico Nicotra.

Il segretario generale aggiunto dell’Osapp, Organizzazione sindacale della polizia penitenziaria,  punta da subito il dito contro la  direzione del carcere.  Nicotra definisce inaccettabile che tali episodi si verifichino in carceri moderne e nuove come quella di Sassari. A Sassari infatti si è investito molto per creare uneweewqew carcere a dimensione umana e funzionale. Nicotra sembra quindi voler spostare l’attenzione e le responsabilità di fatti tanto gravi, su carenze dei quadri dirigenziali e direttivi, piuttosto che sul carcere vero e proprio e sulla inevitabile durezza della vita carceraria.
Per questo motivo, per voce del segretario generale dell’ Osapp, il sindacato fa un appello al Provveditore e al capo del Dipartimento perché prendano in esame la possibilità di sostituire il direttore e il comandante del reparto, affinchè tali gravissimi episodi non si ripetano più in futuro.

 

Commenta!

cinque × cinque =