Un noto pregiudicato e il suo presunto  complice denunciati per furto in un’abitazione e di un’auto    

Il fatto risale Il 17 aprile scorso quando in un’abitazione a  Cagliari, erano stati trafugati  diversi  oggetti preziosi, e due ore dopo   una  cabriolet dal parcheggio condominiale

 di Antonio Tore

Il 17 aprile scorso in  un furto in un’abitazione a  Cagliari, erano stati trafugati  diversi  oggetti preziosi, elettronici e informatici (alcuni computer, un televisore, orologi, penne Mont Blanc).

Era stato rubato  anche  un mazzo di chiavi dell’autovettura cappottabile di proprietà della vittima con relativo telecomando del cancello condominiale che alcune persone avevano poi ritrovato. La cabriolet era stata sottratta dal parcheggio condominiale circa 2 ore dopo il furto in abitazione con l’utilizzo del telecomando del cancello elettrico presente nello stesso mazzo di chiavi.

 Il  19 aprile gli agenti della Squadra Volante hanno rintracciato la vettura in questione in via Vittorio de Sica, regolarmente parcheggiata e chiusa a chiave. Chiesto l’ausilio della Squadra Sopralluoghi della Polizia Scientifica,  ha effettuato i rilievi tecnici sul mezzo, che hanno permesso di rilevare la presenza di “linee papillari” attribuibili a un noto pregiudicato 34enne.

Gli Agenti della Squadra Mobile hanno così raggiunto l’abitazione in cui soggiorna il sospettato, di proprietà di un altro individuo che abitualmente lo ospita, effettuando una perquisizione domiciliare che ha permesso di rinvenire, all’interno della camera da letto in uso al proprietario dell’immobile, un orologio da polso di metallo e, nella camera da letto in uso al 34enne sono stati rinvenuti una scatola vuota di una bottiglia di “Brut” marchiata “Ferrari”, un orologio a cipolla in metallo color oro a cipolla marca “Sigel”, un paio di occhiali da sole “Navigare”, una piccola custodia in legno contenente vari accessori in metallo, una cintura con fibbia in acciaio, una penna, un portafoglio marca Ungaro e un navigatore portatile.

Nella cucina dell’abitazione, sopra il frigorifero, è stato rinvenuto un portachiavi “Mazda” con relative chiave d’accensione e 2 telecomandi. L’uomo, in merito al furto della decappottabile, si è giustificato dichiarando di essere un appassionato di autovetture cabrio e pertanto desideroso di poterne guidare una, anche se perfettamente cosciente del rischio non poteva rinunciare a tale occasione facendo un giro al Poetto.

Nella stessa giornata il personale della Squadra Mobile ha mostrato il materiale sequestrato alla vittima del furto che ha riconosciuto gran parte degli oggetti, comprese le chiavi dell’autovettura Mazda Mx5 di sua proprietà.

Le  due persone  sono state entrambe denunciate e sono in corso ulteriori accertamenti.

Commenta!

1 × tre =