50 ragazzi del laboratorio teatrale “UniCa LGBT” recitano ”Se il sole Muore”

Ieri sera, 18 giugno, presso il Piccolo Auditorium in Piazzetta Dettori, ha avuto luogo lo spettacolo conclusivo del corso di teatro dell’associazione “UniCa LGBT”, in collaborazione con “Ferai Teatro”

di Giuseppe Orrù

Con ben due appuntamenti sold out, prima assoluta alle 18.30 e replica alle ore 21, i quasi 50 ragazzi del laboratorio teatrale hanno messo in scena il loro personale <<inno alla Vita>>, come lo definisce Andrea Ibba, co-direttore artistico di Ferai Teatro.

Lo spettacolo, dal titolo “Se il Sole Muore”, racconta gli avvenimenti che hanno scosso il mondo lgbt+ e non solo, dai Moti di Stonewall del 1969, alla più recente strage di Orlando, avvenuta un anno fa appena.

Uno spettacolo a tematica LGBT+, insomma, svoltosi nel mese dedicato al Pride (che in Sardegna avrà luogo a Sassari l’8 luglio, ndr), dedicato alla memoria di un ex allievo di Ferai Teatro, scomparso prematuramente nell’estate del 2015.

<<Un’opera artistica>> [Paolo Usai, presidente di UniCa LGBT], che scardina la concezione tradizionale di “teatro”, con coreografie, monologhi profondi e toccanti. Una impeccabile alternanza di attualità, storia, quadretti comici, luoghi comuni efficacemente miscelati; arrivando a un prodotto finito che ha divertito, commosso in una vera e propria “standing ovation” il pubblico del Piccolo Auditorium.

Al termine dello spettacolo (conclusosi sulle note di “It’s Raining Men”) salgono sul palco, invasi dagli applausi della platea, Andrea Ibba e Paolo Usai che, a fine ringraziamenti, augurano a tutti noi spettatori un <<felice Pride>>.

Commenta!

venti − quattordici =