Cagliari: Associazioni di Volontariato a Marina Piccola

La terza edizione della manifestazione si svolge dalla 17 alle 23: in vetrina molteplici realtà di volontariato presenti nel territorio

di Antonio Tore

Sono 1.701 le Associazioni di volontariato operanti in Sardegna, nelle quali operano oltre 183.000 persone che svolgono le diverse attività. Si parla di volontari che svolgono un vero e proprio “lavoro” non retribuito, con orari suddivisi in turni ben determinati che, spesso, vanno oltre l’impegno prestabilito a causa di emergenze a cui è necessario dare la precedenza rispetto agli impegni personali.

Le Associazioni sono coordinate dal Centro Servizi di Sardegna Solidale, che è un punto di riferimento importante anche come rappresentante verso le istituzioni pubbliche, con le quali ci si deve, in ogni caso, rapportare e confrontare.

Le Associazioni, spesso, organizzano eventi pubblici per far conoscere la propria esistenza e le diverse attività che impegnano migliaia di persone.

Domani 2 settembre, dalle 17 alle 23, a Marina Piccola si volgerà la terza manifestazione denominata “Associazioni in Vetrina 2017 “ EDIZIONE SPECIALE ”.

Le motivazioni che hanno spinto a organizzare la manifestazione sono espresse in un comunicato stampa. Fondamentalmente sono due le direttrici portate avanti: il discorso di “RETE “ e “INFORMAZIONE”.

“Associazioni in Vetrina” rappresenta una manifestazione in cui le Associazioni di Volontariato , APS, gruppi di volontariato strutturati e, più o meno strutturati, collaborano in rete sinergica al di là dell’ambito individuale per offrire al territorio nuove modalità operative rispondenti alle esigenze di fragilità e complessità socio-culturali .Il riconoscimento dell’importanza della rete si accompagna anche alla valorizzazione e alla necessità di mantenerla e custodirla.

Occasioni di questo tipo possono rappresentare delle vere e proprie possibilità di conoscenza e opportunità per raccontarsi e raccontare che cosa ogni singola associazione fa nel suo contesto specifico ed è una ottima occasione per aprirsi a nuove esperienze progettuali e operative. L’importanza della rete è sicuramente funzionale agli obiettivi di ciascuna realtà che ad essa aderiscono e, quindi, la sinergia va a beneficio di tutti.

“Essendo questa un‘edizione speciale – dice Maria Stefania Putzu, promotrice della iniziativa e volontaria dell’Associazione Alzheimer Cagliari – dedicata alla figura del volontario inteso come mezzo attraverso cui arriva l’aiuto, l’informazione, l’ascolto, il supporto a tutti coloro che ci chiederanno chi sia il Volontario risponderemo con un’unica voce senza evidenziare nessuna appartenenza, ma solo considerando il mondo eterogeneo che li contraddistingue. Parliamo perciò di fedelissimi dell’assistenza, educatori/educatrici, di pionieri laici ed istruiti, di investitori di cultura, che non ostentano a “travasare “il proprio sapere , i volontari dello sport, i donatori di sangue, coloro che si fanno carico di sostenere la responsabilità per le entità di appartenenza mettendo a disposizione se stessi ….e poi ci sono quelli che al di là di tutto ci saranno sempre… e poi ci sono le persone e poi ci sono i nostri fedeli volontari a quattro zampe…….”

Commenta!

tre × uno =