Cagliari-Inter: i tifosi ora vogliono vedere gioco

Al Sant’Elia domenica prossima tutti si aspettano una bella partita e di vedere finalmente un gioco di squadra ora che la salvezza ormai è acquisita

di Sergio Atzeni

Cagliari-Inter è quasi una classica, il gigante e il piccolino, calcisticamente si intende.  Ma oggi il gigante non è piu quello di una volta nonostante abbia un organico di tutto rispetto, la squadra milanese naviga al sesto posto in classifica a soli 48 punti staccata di ben 18 dalla Juventus.
Una partita queella di domenica prossima che il Cagliari dovrebbe affrontare a testa alta o meglio, a testa bassa perché non ha niente da perdere in quanto la salvezza dovrebbe essere già stata acquisita. Che l’Inter si battibile è più che scontato perchè il Cagliari all’andata vinse per 2 a 1 e quindi ripetere quella prova sarebbe anche possibile nonostante i tempi siano diversi e l’Inter in questo periodo sia più concreta.

Nel Cagliari è rientrato nel gruppo per gli allenamenti Diego Farias, mentre hanno svolto un lavoro specifico Marco Borriello, Paolo Faragò e Simone Padoin invece Luca Ceppitelli e Roberto Colombo ancora differenziato.
Quindi la formazione è aperta a tutte le soluzioni ma i rossoblù devono dimostrare di avere un gioco che va oltre ogni modulo e di non essere 11 individualità. Perché finora l’allenatore Rastelli è riuscito a mettere nel calmiere 31 punti che vogliono dire a questo punto salvezza, ma il gioco è stato latitante in quanto non si è visto per niente.

Certo l’obbiettivo era salvarsi e ora che, salvo uno tzunami calcistico, questo è stato raggiunto i tifosi vorrebebro vedere il gioco che, diciamocelo pure, manca dall’anno scorso quando il Cagliari ha vinto il Campionato di B per “manifesta superiorità” dato i giocatori che poteva schierare.  Ora l’appuntamento e per domenica alle ore 15 al Sant’Elia: chissà se questa volta potremmo vedere il gioco.

Commenta!

10 + 18 =