Cagliari, Notti Colorate: scadenze per le iniziative di luglio, agosto e settembre

C’è tempo fino al 23 giugno per le iniziative di luglio e fino al 14 luglio per quelle di agosto e settembre

Di Antonio Tore

Nato con lo scopo di attuare politiche di sviluppo territoriale integrate e coordinate tra tutti gli operatori cittadini, commerciali e culturali, l’iniziativa “Notti Colorate” ha l’obiettivo principale di animare il centro storico di Cagliari e in particolare le vie destinate alle attività commerciali.

Le sere di giovedì (giornata scelta dall’Amministrazione) del 6, 13, 20 e 27 luglio e del 3, 10, 17, 24 e 31 agosto e del 7 e 14 settembre, sarà realizzato un programma che potrà essere arricchito da progetti di iniziativa privata, consistenti in percorsi cittadini ben individuati. Gli eventi e i percorsi approvati dagli uffici comunali, saranno evidenziati sui canali web del Comune di Cagliari e su materiale informativo col supporto di una campagna di comunicazione appositamente dedicata.

Il Comune di Cagliari ha, perciò, fornito le indicazioni riportate di seguito per poter partecipare alle iniziative programmate.
“Gli operatori turistici interessati a partecipare alla realizzazione del programma dovranno, perciò, presentare il proprio progetto entro e non oltre le 13 di venerdì 23 giugno 2017, per quanto riguarda le attività da attuare nel mese di luglio. Per quelle di agosto e settembre la scadenza è invece fissata alle ore 13 di venerdì 14 luglio 2017. Le proposte dovranno pervenire all’Ufficio Turismo del Comune tramite posta elettronica da inviare al seguente indirizzo: turismo@comune.cagliari.it .
Per esigenze di natura tecnica, la descrizione del percorso (da scegliersi preferibilmente dalle ore 18 in poi), dovrà essere contenuta entro 500 caratteri (spazi inclusi) e trasmessa in formato Word (senza formattazione del testo). Le specificità dell’iniziativa dovranno inoltre essere menzionate secondo il seguente ordine:
– tempo di percorrenza (indicare ore e minuti);
– lunghezza (indicare i chilometri);
– difficoltà (basarsi sulle riviste di trekking, indicando se alta, media o bassa);
– punto di partenza (indicare l’indirizzo);
– orario di partenza delle visite guidate (indicare l’orario o gli orari se più di uno);
– per informazioni (indicare l’ente o l’associazione che fornisce le informazioni relative alla giornata con nome, telefono, e-mail e sito internet);
– indicare il prezzo eventuale del percorso o la gratuità.

Secondo quanto prescritto dalla Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20, “Disciplina la materia delle professioni turistiche”, le associazioni e gli operatori dovranno obbligatoriamente specificare nella proposta progettuale che le visite guidate saranno svolte da guide turistiche professionali.

È consentito un solo percorso per ogni associazione”.

Commenta!

tre × tre =