Preoccupazioni dei sindacati per il futuro del Porto Canale di Cagliari

La preoccupazione resta alta ma dall’incontro che si è svolto nel pomeriggio tutti i soggetti coinvolti sono usciti con l’impegno di difendere e rilanciare lo sviluppo del porto canale.

di Antonio Tore

 

“Abbiamo avuto rassicurazioni – hanno detto i segretari Cgil, Cisl e Uil di Cagliari Carmelo Farci, Ignazio Usai e Gianni Olla – anche se continuiamo a essere preoccupati per la prospettiva dei posti di lavoro e per il complessivo rilancio del porto industriale “.

Si tratta di un’infrastruttura importante per tutto il territorio di Cagliari e della Sardegna “ma – hanno sottolineato Farci, Usai e Olla – ha necessità di interventi urgenti come l’adeguamento dei servizi e delle dotazioni portuali, a partire dalle nuove gru, la definizione di un regime fiscale agevolato, una verifica puntuale dei costi di ancoraggio, tutti quei fattori che possono realmente concorrere ad agevolare la ripresa dei traffici, attrarre investimenti e rendere il porto canale competitivo“.

L’auspicio di Cgil, Cisl e Uil è che questi interventi vengano realizzati in tempi stretti e che se ne possa discutere fattivamente già nel prossimo incontro che il responsabile della Regione si  è impegnato a convocare al più presto.

Commenta!

4 × 4 =