Gianluigi Rubiu, Udc: “Bando Prima Casa con  Burocrazia, lentezza e procedure lunghe e  caotiche”

Sul bando sula prima casa l’esponente e capogruppo dell’Udc Gianluigi Rubiu spara basso e propone modifiche alla legge per permettere  l’allargamento della platea che possa accedere al sostegno economico per l’acquisto della prima casa.

 Redazione

 “Burocrazia, lentezza. E ancora, procedure troppo caotiche che impediscono l’accesso alle agevolazioni”. Sono le criticità mosse dal capogruppo regionale dell’Udc Gianluigi Rubiu al bando sulla prima casa. “Per questo – spiega il rappresentante dei moderati – abbiamo proposto una modifica ad alcuni aspetti della legge.

La necessità prioritaria è l’allargamento della platea che possa accedere al sostegno economico per l’acquisto della prima casa, al fine di ridurre gli effetti del disagio abitativo che colpisce molte famiglie sarde. Sarebbe opportuno ampliare i vantaggi anche ai single, non solo alle giovani coppie”. Non solo. Si pensa ad un incremento delle risorse: “Perché – aggiunge Rubiu – l’esigenza è di offrire migliori prospettive di ripresa al comparto delle costruzioni, che più di qualsiasi altro ha subito gli effetti della crisi”.

L’aumento della soglia del reddito famigliare previsto, l’estensione delle agevolazioni, minori vincoli per accettare i benefici finanziari. “Sono i punti chiave del nostro disegno – conclude Rubiu – con la finalità di promuovere e favorire la formazione e lo sviluppo di nuove residenze per famiglie e single. Si devono quindi rimuovere gli ostacoli di natura economica e sociale che si presentano per l’accesso alle agevolazioni finanziarie”.

 

Commenta!

3 × due =