Infortuni domestici, per proteggersi non è mai troppo tardi

La polizza da 12,91 euro all’anno assicura casalinghe e casalinghi per gli incidenti più gravi che possono avvenire tra le mura di casa. La copertura ha effetto dal giorno successivo a quello in cui è stato effettuato il pagamento

di Antonio Tore

Con la fine del mese di gennaio è scaduto il termine per il versamento all’Inail del premio annuale di 12,91 euro della polizza obbligatoria che assicura casalinghe e casalinghi per gli incidenti più gravi che possono avvenire tra le mura domestiche. Chi deve sottoscriverla per la prima volta, può farlo in qualsiasi momento dell’anno. L’obbligo di iscriversi, infatti, sorge soltanto nel momento in cui la persona matura i requisiti assicurativi, ovvero quando ha un’età compresa tra i 18 e i 65 anni e svolge in modo abituale ed esclusivo un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e della casa, senza alcun vincolo di subordinazione.

Il bollettino reperibile online e negli uffici postali. Per iscriversi è sufficiente effettuare il pagamento di 12,91 euro, non frazionabile su base mensile e deducibile ai fini fiscali, utilizzando il modello di bollettino postale Td 451 relativo al c/c 30621049 (intestato a Inail Assicurazione Infortuni Domestici – p.le G. Pastore, 6 – 00144 Roma), reperibile presso gli uffici postali, le sedi locali dell’Istituto e le associazioni delle casalinghe. La copertura assicurativa ha effetto dal giorno successivo a quello in cui è stato effettuato il pagamento.

Per i redditi bassi il premio è a carico dello Stato. Le persone per le quali il pagamento del premio è a carico dello Stato – perché hanno un reddito complessivo lordo personale fino a 4.648,11 euro l’anno e fanno parte di un nucleo familiare che non supera i 9.296,22 euro – si iscrivono invece presentando alle sedi locali Inail l’autocertificazione che attesta il possesso dei requisiti per l’assicurazione in ambito domestico e per l’esonero dal pagamento.

Come mettersi in regola. Per evitare le sanzioni previste nel caso in cui, pur essendo in possesso dei requisiti previsti, non sia osservato l’obbligo di versare il premio, chi non ha rispettato la scadenza del 31 gennaio per il rinnovo della propria iscrizione può ancora mettersi in regola effettuando il pagamento di 12,91 euro in una delle modalità previste. In particolare è possibile utilizzare il bollettino PA precompilato, che le persone già iscritte ricevono a domicilio entro la fine di ogni anno e che può essere recuperato anche sul sito www.inail.it, previa autenticazione. In alternativa, il versamento può essere effettuato con il bollettino postale in bianco Td 451 sopra citato – indicando nome, codice fiscale e anno per il quale si deve pagare il premio – oppure in modalità elettronica, con il sistema pagoPA, che consente di versare l’importo dovuto direttamente sul sito dell’Inail o presso gli sportelli bancari, i tabaccai e gli istituti abilitati al servizio, utilizzando il codice presente sull’avviso di pagamento.

Tutelato chi svolge un’attività gratuita ma di grande importanza sociale. L’assicurazione contro gli infortuni domestici, introdotta nel nostro ordinamento con la legge n. 493 del 3 dicembre 1999, rappresenta un riconoscimento dell’impegno di chi svolge un’attività di grande importanza sociale per la cura della casa e del nucleo familiare, in modo abituale, esclusivo e gratuito, e dà diritto a un indennizzo in caso di infortuni che comportino un’invalidità permanente pari o superiore al 27%. In caso di morte della persona assicurata, invece, è prevista l’erogazione a ciascuno dei superstiti di una rendita calcolata con le stesse modalità e percentuali stabilite per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

Commenta!

nove − due =