Isola: un progetto esperienziale

di Roberta Manca

Dal 19 novembre parte un bel progetto dell’Associazione Amici di Sardegna sostenuto dalla RAS Assessorato del Turismo L.R. n. 7/55 che si concluderà il 18 dicembre. In questo articolo cercheremo di illustravi i suoi contenuti.

La Sardegna come noto è un isola ricca di siti e di risorse archeologiche, storiche, paesaggistiche, e ambientali. Il problema pertanto non è sulla varietà e differenziazione dell’offerta dei luoghi semmai risulta carente sulle modalità e strategie di fruizione, nel senso che il turista di oggi è attratto più che dalla scelta delle località o sulla customer satisfaction (che significa soddisfazione del cliente, inteso some complesso processo volto a rilevare il grado di soddisfazione di un cliente/utente nell’ottica del miglioramento del prodotto/servizio offerto). soprattutto sul come e in quale modo trascorrerà le sue esperienze turistiche, ovvero ricercare e vivere delle emozioni. Il progetto Isula vorrebbe riuscire a far vivere al turista o al visitatore ciò che ha sotto i suoi occhi, nel senso di fargli toccare con mano ciò che vede, sente, ascolta, percepisce, gusta e immagina.

Da alcuni anni il turismo cerca nuove declinazioni, ovvero offerta di servizi e di beni che sappiano meglio interpretare il bisogno dei visitatori e turisti sul grande tema del “Come trascorro il tempo durante il soggiorno e cosa posso fare che mi interessi?”.

Proprio per questo la Regione Sardegna ha realizzato un bando che oltre ad essersi rivolto agli ambiti tradizionali: Spettacolo e Cultura; Folklore, Turismo enogastronomico, Manifestazioni di artigianato artistico e tradizionale, Manifestazioni sportive, Turismo M.I.C.E ( L’acronimo MICE: meetings, incentive, congress, events si riferisce all’organizzazione dei viaggi legati a convegni, fiere, eventi,congressi e agli incentive travels (viaggi di incentivazione per i dipendenti di un’azienda  e fidelizzazione dei clienti)) e grandi evetni sportivi si è rivolto alle manifestazioni dell’inclusione sociale e del Turismo esperienziale.

Per questi motivi la RAS ha deciso di includere il Turismo esperienziale fra le manifestazioni di grande interesse turistico.

Il progetto Isula nasce in questo ambito e si prefigge di coinvolgere il pubblico allo scopo di far “vivere una esperienza”, piuttosto che “trascorrerla”.

Il progetto consiste un 5 eventi collaterali che si terrnno presso l’Exma di Cagliari e e 4 giornate interamente dedicate alla conoscenza, alle esperienza e alle emozionni.

Infatti nel corso delle giornate sono previsti numerosi eventi partecipati e laboratori di varia natura fra cui, prdotti alimentari tipici, manufatti artigianali in cercamica, tessiture al telaio, lavorazione dell’Ossidiana, trasformazione di erbe e prodotti naturali in oli, essenze e altro ancora. I contesti nei quali si presenteranno gli eventi sono fortemente suggestivi: Necropoli di Tuvixeddu, Promontorio della Sella del Diavolo a Cagliari, costruzioni neolitiche e nuragice, Tombe di gigantI fra Lunamatrona e Siddi, e infine, ultimo ma non ultimo, il Museo e Parco dell’Ossidiana di Pau.

Il progetto copinvolge numerosi Operatori dell’accoglienza, Guide turistiche e GAE, Operatori culturali. Speleologi, Archeologi, Biologi, Agronomi, Giornalisti, Storici dell’arte, Musicisti, Animatori, Artisti e Artigiani.

Le visite saranno fratuite, previa prenotazione obbligatoria. E’ inoltre necessario avere il green pass e una mascherina, nonchè essere automuniti.

Per prenotarsi occorre telefonare 5 giorni prima ai seguenti numeri in relazione alla giornata a cui si intende partecipare:

– Prenotazioni Cagliari Tuvixeddu e Sella del diavolo 070651884/3401930766

– Prenotazione Lunamatrona   3463041800

– Prenotazione Siddi 3313321484

– Prenotazioni Pau 3472460791/3406110153

-Prenotazione evento finale 070651884/3401930766

Per ulteriori informazioni visitate il sito: https://www.isula.sardegna.it

https://isula.sardegna.it/

Commenta!

20 − quindici =