La visita di Mattarella a Cagliari: seduta straordinaria del Consiglio Regionale

Si è appena conclusa la seduta straordinaria del Consiglio Regionale alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella in occasione della ricorrenza del 70° anniversario dello Statuto della Sardegna.

di Antonio Tore

Dopo l’arrivo del corteo al Palazzo del Consiglio in via Roma, ha avuto inizio la seduta straordinaria del Consiglio, con la presenza anche, tra gli altri, del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda e del Rettore dell’Università di Cagliari Maria Del Zompo.

Il Presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau ha evidenziato l’orgoglio per i 70 anni della Autonomia, ma ha portato in primo piano anche le difficoltà che l’Isola deve affrontare quotidianamente in temi fondamentali quali i trasporti, le infrastrutture e l’approvvigionamento energetico.

Il successivo intervento del Presidente della Giunta Francesco Pigliaru, ha ripreso i temi dell’autonomia e del riconoscimento dell’insularità che devono essere portati, dal Governo nazionale, all’attenzione della Comunità europea. Secondo Pigliaru, ottenere il riconoscimento dello stato di insularità significa uguaglianza dei diritti e risposte ai bisogni dei cittadini, come, ad esempio, il diritto alla mobilità, sia interna che verso il resto del mondo e il diritto all’approvvigionamento energetico a pari condizioni.

Il Presidente Pigliaru, rivolgendosi a Sergio Mattarella,  ha detto che sarebbe necessario adottare leggi sulla valutazione delle politiche pubbliche che porrebbero la Sardegna tra i paesi più avanzati in sede europea.

“Gli svantaggi, – ha detto Pigliaru – vincolano gli sviluppi dei paesi. Non chiediamo più stanziamenti economici, ma pari opportunità. Le risorse sono visibili nel miglioramento delle condizioni della vita dei cittadini e, – ha concluso Pigliaru – rendiamo l’autonomia ogni giorno più concreta”.

La seduta si è conclusa con l’esibizione del Coro Nugoro Amada di Nuoro.

 

Commenta!

due × due =