Obbligatorio indicare su etichette provenienza pasta e riso

Il Senatore Silvio Lai (PD): “Scelta giusta. Ora occorre una norma organica per tracciabilità di tutti i prodotti, a cominciare dalla frutta e dalle carni”

di Antonio Tore

 

“Una buona notizia per produttori e consumatori. La strada è quella giusta e va percorsa con determinazione”. A parlare è Silvio Lai, senatore del PD.

“I decreti dei ministri Martina e Calenda da oggi rendono obbligatorio l’esplicito riferimento sulle etichette di pasta e riso della provenienza e del luogo di lavorazione. Una scelta sperimentale per due anni che segue quella altrettanto importante sul latte e i suoi derivati. Si tratta ora, con la prossima legislatura di approvare una normativa organica in materia che consenta la tracciabilità di tutti i prodotti a cominciare dalla frutta utilizzata per le bevande e dalle carni impiegate nei salumi e negli insaccati”.

“In questo modo – prosegue Silvio Lai – si tutelano i produttori italiani e sardi, schiacciati dalla concorrenza di materie prime provenienti dall’estero e si tutelano i consumatori che avranno modo di scegliere cosa acquistare sulla base delle conoscenze effettive del prodotto da acquistare. La Sardegna è tra i primi produttori di riso e latte e pasta e i nostri agricoltori, finalmente, potranno far valere le loro ragioni in termini di qualità e di prezzo”.

Commenta!

uno × 2 =