Opere dalla collezione Crobu alla Camera di Commercio di Cagliari

Le “stanze delle meraviglie” in esposizione nei locali della Camera di Commercio di Cagliari dal 16 dicembre 2017 al 31 gennaio 2018.

di Antonio Tore  

Gioca sul nome della Camera di Commercio la mostra WunderCamera. Opere dalla collezione Crobu per rievocare la stupefazione e l’incanto delle antiche Wunderkammern, le “stanze delle meraviglie” ricche di oggetti disparati ma dotati di fascino e bellezza, primo nucleo di quelli che diventeranno i moderni musei.

Poco meno di quaranta opere aspettano il visitatore negli spazi austeri della Camera di Commercio, trasformati per l’occasione in una vera sala museale, per un percorso che stupirà per la qualità dei pezzi esposti e dei nomi presenti. In mostra dipinti, sculture e ceramiche che spaziano dal tardo XVI secolo del Maestro di Castelsardo sino ai grandi maestri del Novecento sardo; ma la vera novità, e ciò che conferisce all’esposizione un’indiscutibile specificità, introvabile altrove, è la nutrita presenza di artisti non isolani, ma che alla Sardegna dedicarono lavori fondamentali.

Ecco allora le prime testimonianze del ve- stiario tradizionale fornite da Giuseppe Verani, o, prima ancora, la matrice incisa dedicata al sardissimo San Giorgio di Suelli dal napoletano Alessandro Baratta, il “Caravaggio del veduti- smo”.

Una piccola selezione, per una raccolta che vanta più di tremila pezzi, ma grandi artisti e un nuovo approccio alla storia dell’arte sarda: concentrata in uno spazio raccolto ma denso di contenuto, la mostra testimonia la qualità speciale e mirata della collezione Crobu, che raccon- ta, in modo unico, un intreccio di presenze e di scambi nell’arte isolana molto più fitto e ricco di quanto sinora rappresentato. Il titolo WunderCamera vuol essere dunque anche un auspicio per la città: da questa prima esposizione temporanea di una limitatissima scelta di opere è lecito attendersi un seguito, ovvero che dalla “stanza delle meraviglie”, così come in passato, possa nascere un museo.

Commenta!

due − 2 =