Ospedale Brotzu: Cancellato il Reparto di Chirurgia Plastica/Grandi Ustioni

Interrogazione urgente di Zedda e Tocco che esprimono il loro disappunto e preoccupazione sulla chiusura del Reparto.

di Annalisa Pirastu

 

“Ennesimo schiaffo che danneggia i pazienti, E si ignora un ricorso al Tar Sardegna contro il Provvedimento” sono le parole di Zedda e Tocco, decisi a dare battaglia su un episodio da loro denunciato come  gravissimo.

La vice capogruppo di Forza Italia Alessandra Zedda e il consigliere regionale Edoardo Tocco vice presidente della commissione salute, lanciano un attacco all’assessore alla sanità e ai vertici dell’Azienda per la tutela della salute.

“E’ con grande preoccupazione che si assiste al depotenziamento dei reparti al Brotzu. L’ennesimo schiaffo in faccia ai cittadini è arrivato con la soppressione della struttura complessa di chirurgia plastica con il centro ustioni” sono le comunicazioni che Zedda e Tocco rendono pubbliche.

Si legge nel loro comunicato. “E’ l’ennesima beffa nei confronti dei pazienti, che devono subire la cancellazione di un centro di eccellenza incastonato al Brotzu. Una decisione- evidenziano Zedda e Tocco, che hanno presentato un’interrogazione urgente – che lascia perplessi perché è in gioco un ricorso al Tribunale amministrativo regionale, con richiesta di sospensiva, sulla delibera regionale che sancisce il trasferimento della struttura complessa chirurgia plastica centro ustioni all’azienda ospedaliera universitaria”

Si tratterebbe di un piano di ridimensionamento che ha come conseguenza gravi rischi per la salute dei pazienti. “Con la cancellazione del reparto – concludono Zedda e Tocco – si svolgeranno solo attività di ambulatorio per attività diagnostiche e si annulleranno tutti gli interventi svolti nel reparto, senza considerare che il centro è diventato un punto di riferimento a livello regionale”.

Commenta!

due × tre =