Parte a  Cagliari la XXIII edizione di “Echi Lontani”

Da  marzo a giugno conferenze, tavole rotonde, concerti e danza barocca per riscoprire il fascino della musica antica

 di Antonio Tore

Nella conferenza stampa convocata presso il Conservatorio “Pierluigi da Palestrina” a rappresentare il Comune di Cagliari è intervenuto l’Assessore alla Cultura Paolo Frau che ha spiegato l’importanza di questa iniziativa per la città.

“Ancora una volta mi complimento – ha detto Paolo Frau – per l’organizzazione di questo evento, il cui programma è molto ricco e ha il merito di garantire un ambito importante per la cultura della nostra città ossia la musica antica. L’unica osservazione che mi sento di fare, ma solo con spirito propositivo e costruttivo, riguarda la data finale di questa iniziativa, perché il mio desiderio sarebbe che si lavorasse per regalare alla città qualche appuntamento anche nel mese di luglio”.
Dall’inizio della primavera all’estate, quindi, l’associazione Echi lontani organizzerà un festival musicale , in collaborazione con il conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina”, la fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto” e l’associazione culturale “Le officine”. La manifestazione darà l’opportunità di vivere dei giorni intensi di cultura, rendendo accessibile a tutti il patrimonio musicale riguardante il periodo compreso tra Medioevo e tardo Settecento.

Nel cartellone degli appuntamenti, spiccano, ogni sabato mattina, le conferenze di presentazione dei diversi concerti che, saranno coordinate dalla musicologa Myriam Quaquero e tenute presso l’Aula Magna del Conservatorio di Cagliari

In occasione delle manifestazioni organizzate per la festa di Sant’Efisio,  il 29 aprile alle 20, nella chiesa monumentale di Santa Chiara, Echi lontani propone un omaggio a Georg Phillip Telemann (vissuto tra il 1681 e il 1767) con la proiezione del film “Lunga vita alla signora” di Ermanno Olmi.  Autodidatta, Telemann espresse già nell’infanzia una spiccata facilità compositiva e una precoce padronanza di strumenti musicali quali violino, flauto dolce e clavicembalo. Contemporaneo di Bach  e Handel  nella sua lunga vita era molto famoso e considerato uno dei maggiori musicisti tedeschi, attraversando le varie fasi musicali dal barocco fino alle soglie del  classicismo in cui evidenziò una notevole capacità di aggiornamento stilistico fino a oltre gli 85 anni di vita.

Il giorno seguente l’appuntamento, sempre alle 20 e nella medesima chiesa, si terrà il concerto “George Phillipp Telemann: Fantasie per violino solo”, che vedrà esibirsi al violino barocco Gabriele Toscani.

I dibattiti e i concerti si svolgeranno, inoltre, anche in diversi centri culturali di Cagliari, tra i quali Palazzo Regio, Palazzo Siotto, la chiesa di Santa Maria del Monte e la Sala Fondazione  di Sardegna. l costo dei biglietti è 5 euro intero e 3 euro ridotto. E’ possibile acquistare l’abbonamento a sei concerti al costo di 25 euro intero e 15 euro ridotto. Sono gratuiti i concerti del 29 aprile, del 1 maggio e del 25 giugno e le videoproiezioni.

L’evento è tra i partner del network Rema, Rete Europea di Musica Antica, l’unico rappresentante per la musica antica in Europa nato con lo scopo di favorire lo scambio di conoscenze, informazioni e collaborazioni nel campo della musica antica.

 

 

Commenta!

17 − sette =