Sassari: carbonizzato nell’auto che ha preso fuoco

L’auto si è ribaltata dopo aver colpito  la barriera in cemento, all’ingresso di una galleria a Sassari. Il conducente, rimasto intrappolato tra le lamiere, è morto carbonizzato.

di Annalisa Pirastu

L’auto di Alessandro Ortu di 22 anni originario di Porto Torres, si è ribaltata dopo aver urtato un pilastro della galleria all’ingresso di Sassari.

Ortu, che guidava la vettura, è morto intrappolato dentro l’auto che ha preso fuoco dopo l’urto, poco prima delle 17. Le condizioni metereologiche erano brutte perché sul capoluogo  c’era un forte acquazzone.

Il giovane si stava recando al lavoro al centro commerciale Auchan di Preda Niedda e malgrado il tempestivo intervento dei vigili chiamati sul luogo della tragedia, il ragazzo, incastrato all’interno dell’auto, è morto carbonizzato.

Ortu stava percorrendo la strada Sassari-Alghero e, all’altezza dell’esercizio commerciale Il Globo, ha perso il controllo della Seat Arona, forse a causa del maltempo. La vettura  ha sbandato e ha colpito il basamento della carreggiata, ha poi continuato la corsa colpendo la barriera centrale in cemento. A quel punto l’auto si è ribaltata prendendo fuoco mentre si trovava sotto  il cavalcavia.

Il rapido intervento dei vigili del fuoco che sono riusciti a spegnere le fiamme, non ha potuto salvare la vita al ragazzo, che è morto carbonizzato.

Sul luogo è intervenuto il 118, i carabinieri di Sassari e gli agenti della Polizia locale.

L’Anas ha chiuso il traffico per qualche ora sulla statale.

Commenta!

15 + quattordici =