Scuola: nuovo anno e vecchi problemi

Pubblichiamo un documento inviatoci dall’Istituto Professionale di Stato Sandro Pertini di Cagliari che anche quest’anno richiama l’attenzione delle Istituzioni sul problema delle aule, della

logistica e della parcellizzazione delle sedi. E’ questa la buona scuola tanto citata dal Governo?

All’ USR Sardegna

                                                               All’Assessore Regionale all’istruzione

                                                               Al Commissario Straordinario alla Provincia di Cagliari

                                                               Al Sindaco della città metropolitana

                                                               Agli organi di stampa

                                                               Ai Genitori e agli studenti

 

Nell’iniziare questo nuovo anno scolastico constatiamo con sgomento e preoccupazione che ancora una volta le nostre ripetute   richieste  di assegnazione di un’unica sede che possa ospitare le classi oggi sparse in ben quattro plessi  sono rimaste inascoltate.

Continuiamo a ritenere  che l’assegnazione  alla nostra scuola  delle aule disponibili nella sede del Meucci  di Via Vesalio , soluzione già prevista da una delibera dell’ex provincia di Cagliari, costituisca la soluzione più idonea per consentire  a tutti gli alunni frequentanti il nostro istituto di poter fruire di tutte le opportunità formative offerte dalla scuola.

 

Purtroppo i timori già espressi sul rischio di incremento di casi di abbandono e di dispersione erano più che fondati. Ci siamo ritrovati  ad assistere impotenti  al dimezzarsi  di alcune  classi  prime della sede di Via Carpaccio e a registrare  giorno dopo  giorno  abbandoni  causati sia da oggettivi  problemi di trasporto ma anche e soprattutto dalla condizione di ” isolamento” e dalla conseguente “discriminazione” che ricade sia sugli alunni costretti a frequentare in quella sede, sia sui docenti che fanno la spola tra tante sedi.

L’inclusione e l’integrazione di tutti gli alunni, specie di coloro che vivono situazioni di disabilità, svantaggio o disagio, costituiscono una  parte importante, se non la più importante, della  nostra “mission”. Ma la realizzazione delle azioni didattico-educative-formative progettate dalla scuola e formalizzate nel Piano d’ Inclusione (PAI), non può prescindere da una soluzione logistica che garantisca a tutti gli alunni, la possibilità di partecipare alle attività e alle iniziative programmate dall’istituto e di usufruire dei laboratori e degli spazi appositamente attrezzati per rispondere al meglio ai bisogni educativi rilevati.

Siamo fermamente convinti che le istituzioni debbano adoperarsi per rimuovere tutti quegli ostacoli che di fatto impediscono l’effettiva partecipazione di tutti gli alunni alle attività offerte dalla  scuola.

 

Pertanto,  come collegio dei docenti dell’IPSSS “S.PERTINI” di Cagliari ribadiamo l’assoluta necessità  di poter disporre di un’unica  sede, possibilmente  in Via Vesalio, che possa ospitare tutte le classi non altrimenti sistemabili nella sede centrale e sollecitiamo una soluzione tempestiva e definitiva  per garantire il regolare svolgimento di questo  nuovo anno scolastico.

 

Confidiamo  che almeno questa volta  il nostro appello, unitamente a quello di alunni e famiglie, possa trovare  un sollecito e positivo riscontro con l’assegnazione di un’unica sede che ponga fine alle discriminazioni e ai gravi disagi vissuti finora e assicuri  a tutti gli studenti  pari dignità e  piena partecipazione all’offerta formativa della scuola.

 

 

Commenta!

11 − undici =