“There is murder on my mind” un brano che fa venire la pelle d’oca.

di Annalisa Pirastu

“Murder on My Mind” è il singolo di successo, pubblicato il 1 giugno del 2018, che ha fatto conoscere al grande pubblico, il rapper americano YNW Melly. La canzone compare nella sua compilation di debutto “I Am You”. 

“Murder on My Mind” ha guadagnato ancora più attenzione dopo che il giovane rapper è stato accusato di presunto duplice omicidio, il 13 febbraio 2019.

La canzone contrariamente alle sue strofe però non è una confessione di omicidio, perché è temporalmente impossibile che lo sia. Il singolo infatti è stato scritto nel 2016 e rilasciato nel 2017, mentre i presunti omicidi per i quali il rapper sarebbe accusato, si sono verificati nel 2018. 

Quello che è allarmante è che il brano contiene delle coincidenze nelle sue rime, che riportano alla morte per omicidio dei suoi due amici, avvenuto quasi un anno dopo la stesura del singolo.

“Yellow tape around his body, it’s a fucking homicide

His face is on a T-Shirt and his family traumatized

I didn’t even mean to shoot ‘em, he just caught me by surprise

I reloaded my pistol, cocked it back, and shot him twice

His body dropped down to the floor and he had teardrops in his eyes

He grabbed me by my hands and said he was afraid to die

I told ‘em it’s too late my friend, its time to say “Goodbye”

And he died inside my arms, blood all on my shirt

Il rapper statunitense classe 1999, della Florida, il cui vero nome è Jamell Maurice Demons, ha esordito con Murder On My Mind, un singolo crudo e agghiacciante. Il brano fa accapponare la pelle perché narra la storia oscura e sconvolgente di Melly che spara a un carissimo amico che poi muore tra le sue braccia. La canzone racconta infatti una storia inventata nella quale Melly uccide accidentalmente un suo amico, sparandogli due volte e successivamente lo vede morire tra le sue braccia.Fin qui nulla di strano se non che le coincidenze con i fatti avvenuti in seguito sembrerebbero quasi dei segnali premonitori.

Il brano ha avuto un sequel: “Mind on My Murder”, incluso nella compilation. Il sequel descrive lo stesso omicidio di “Murder on my mind” ma la narrazione avviene dal punto di vista della vittima.

.

Il 13 febbraio 2019, Melly si è consegnato alla polizia ed è stato accusato di due omicidi di primo grado per aver presumibilmente ucciso due membri della propria gang.

La polizia avrebbe dichiarato che lui e un altro rapper del suo collettivo, YNW Bortlen, avrebbero ucciso due loro amici nella città di Fort Lauerdale (Florida), alterando successivamente la scena del crimine in modo da far risultare il decesso come conseguenza di una sparatoria. I due presunti killers avrebbero trasportato personalmente le vittime all’ospedale. YNW Sakchaser di 21 anni e YNW Juvy di 19 anni, membri della crew del rapper, sono morti dopo poco tempo per la gravità delle ferite.

La storia non ufficiale narra di una burla andata a male in cui le due vittime, indossando delle maschere, sarebbero apparse davanti al rapper e all’altro componente della banda, con l’idea di spaventarli. YNW Bortlen e  Melly avrebbero reagito provocando la morte dei due.

Una burla, che se vera, avrebbe concluso la carriera appena iniziata del giovane rapper e della sua band.

i sia trovato proprio nel luogo dove si è consumato l’omicidio, avvenuto nel 2017il destino di un giovane rapper californiano la cui carriera potrebbe già essere conclusa.

Commenta!