Università di Cagliari: ricordo di Antonio Spanedda  padre, scienziato e  maestro

L’Università di Cagliari ricorda lo studioso e docente in aula magna. Con Maria Del Zompo,  gli interventi di Pasquale Mistretta, Gian Luigi Gessa, Alessandro Riva, Alessandro Maida, Bachisio Bandino e Bernardo De Muro, autore del volume sull’illustre ricercatore, “Microbi e giganti”. La cerimonia, coordinata da Gianni Filippini, viene arricchita da una testimonianza dell’arcivescovo Pier Giuliano Tiddia

redazione

Domani, giovedì 15 marzo, alle 9.30, l’aula magna del rettorato – via Università, n. 40 – ospita la commemorazione di Antonio Spanedda. Illustre microbiologo dell’ateneo di Cagliari, lo scienziato viene ricordato a centodieci anni dalla nascita (1907) e a venti dalla morte (1998) dal rettore Maria Del Zompo, dai professori emeriti Pasquale Mistretta (già rettore dell’Università del capoluogo), Gian Luigi Gessa, Alessandro Riva e Alessandro Maida (già rettore dell’Università di Sassari). La cerimonia – coordinata da Gianni Filippini, già direttore editoriale dell’Unione Sarda – prevede anche gli interventi dell’intellettuale, antropologo e scrittore, Bachisio Bandinu, e dell’arcivescovo emerito di Oristano, Pier Giuliano Tiddia.

“Microbi e giganti”. Bernardo De Muro (docente, saggista, filosofo e studioso che si autodefinisce “viandante della parola”) firma “Microbi e giganti – Antonio Spanedda, padre, scienziato, maestro”. Il libro – Cabu Abbas edizioni, Thiesi, febbraio 2018, 184 pagine – che viene presentato in aula magna, ripercorre con curiosità, garbo, raffinatezze linguistiche e rigore documentale, vita e professione di uno dei giganti della scienza made in Sardinia. Spanedda, allievo di Giuseppe Brotzu, scoprì nel 1945 col professore e direttore dell’Istituto di igiene e microbiologia dell’ateneo di Cagliari, le cefalosporine. Da titolare della cattedra e successore alla direzione dell’Istituto di igiene del professor Brotzu, Antonio Spanedda ha chiuso nel 1977 l’attività accademica. Nel 1978 è stato ordinato sacerdote e fino alla scomparsa (a 91 anni, nel 1998) ha officiato quotidianamente la

Commenta!

cinque × 5 =