Cagliari: una donna con tre figli occupa una casa assegnata ad un disabile

Un 53enne disabile ha atteso per 12 anni in graduatoria l’assegnazione di una casa da parte del Comune. Dopo poche ore, la casa è stata occupata abusivamente.

di Antonio Tore

Dopo un’attesa durata 12 anni,  gli era stato assegnato un minuscolo appartamento in via Bacaredda. La gioia di Davide Cabras, cinquantatreenne disabile grave di Cagliari, però, è durata poche ore.

Rientrato nella nuova casa dopo aver effettuato alcune visite mediche, Cabras ha trovato la porta bloccata, scoprendo che era stata occupata da una donna, nel frattempo sistematasi all’interno insieme a tre figli minori.

Sul posto, sono arrivate due pattuglie della Polizia municipale che hanno identificato l’occupante, senza, tuttavia, poter procedere allo sgombero data la presenza di minori.

In via Bacaredda è arrivato anche l’assessore comunale Gianni Chessa che ha la delega all’edilizia popolare.

Gli assistenti sociali dovranno individuare un posto dove sistemare provvisoriamente i minori.

Il gesto della donna, tuttavia, non rimarrà senza conseguenze: oltre a eventuali conseguenze penali, come prevede la legge, sarà esclusa dalle graduatorie per l’assegnazione di alloggi popolari per i prossimi cinque anni.

Commenta!

cinque + 9 =