Capoterra, Cagliari: tre denunce della Forestale per bracconaggio

In due distinti appostamenti in agro di Capoterra, nelle località Baccu Tinghinus e Is Olias,  due le persone colte in flagranza di reato mentre predisponevano la cattura di uccelli con lacci,  a  Cagliari sono stati  recuperati 9 tra Cardellini e Verdoni,  specie selvatiche di cui è vietata la cattura

 redazione

 Gli agenti del Corpo forestale e di vigilanza ambientale hanno denunciato tre persone nel corso di due operazioni antibracconaggio nella complessiva attività di sorveglianza a tutela della biodiversità.

CAPOTERRA. L’Ispettorato territoriale di Cagliari ha coinvolto personale delle Stazioni di Capoterra, Cagliari e il Nucleo investigativo in due distinti appostamenti in agro di Capoterra, nelle località Baccu Tinghinus e Is Olias. Due le persone colte in flagranza di reato mentre predisponevano la cattura di uccelli con lacci. Nel complesso sono stati sottoposti a sequestro 49 uccelli tra tordi e pettirossi, 1250 lacci e liberati 2 tordi trovati vivi impigliati nei lacci.

CAGLIARI. La seconda operazione si è svolta nel capoluogo isolano con una perquisizione domiciliare. La Stazione forestale di Cagliari e il Nucleo Investigativo hanno recuperato 9 fringillidi (Cardellini e Verdoni), appartenenti a specie selvatiche di cui è vietata la cattura. Gli esemplari sono stati trovati vivi rinchiusi in gabbia, verosimilmente per essere immessi nel mercato illegale dei collezionisti. Gli uccelli sono stati immediatamente liberati.

 

 

 

Commenta!

diciotto − 13 =