Delusione dopo la bocciatura del referendum sull’Insularità

Erano stati 92 mila sardi a chiederlo. Cossa (Riformatori): “Non abbiamo avviato questa sfida perché pensavamo fosse facile, ma proprio perché è dura”

redazione

“Sapevamo che la più importante battaglia della Sardegna sarebbe stata ardua. Proprio per questo l’abbiamo iniziata, sapendo che i sardi hanno la forza e la determinazione per vincerla”. Così il consigliere regionale dei Riformatori Michele Cossa. “La superficialità delle considerazioni su cui si basa il parere dell’ufficio regionale per il referendum è certo sconcertante, ma è un assaggio della resistenza degli apparati. Contro tutto questo da oggi inizia la mobilitazione dei moltissimi sardi in Sardegna e nel mondo che non si arrendono”, conclude Cossa.

Commenta!

quattro − tre =