Ibarbo toccata a Cagliari e fuga verso il Giappone

Ritorno fulmineo quello del columbiano e, dopo solo un mese, con tre apparizioni di pochi minuti negli incontri, ora pare destinato agli antipodi  dell’Europa, in Giappone, dove forse potrà esprimersi nel modo  migliore

di Sergio Atzeni

Non ha fatto nemmeno in tempo ad ambientarsi un’altra volta in città, Victor Ibarbo nominalmente ancora giocatore del Cagliari, ma che sarà rispedito con tante ipotetiche referenze sulle spalle addirittura in Giappone.

La squadra è il Sagan Tosu dove troverà il suo ex allenatore Massimo Ficcadenti che lo accoglierà a braccia aperte perché in quel campionato del sol levante Il colombiano potrebbe essere un asso nella manica e lasciare in Europa l’etichetta di “oggetto misterioso” che giocoforza gli era stata cucita sulla maglia.

Sempre entrato a gara quasi al termine ha collezionato tre presenze ultima delle quali quella giocata contro L’Inter, ha anche realizzato un goal valido contro la Sampdoria ma annullato.
Il suo trasferimento alla Roma nel 2015 dopo 4 anni di militanza nel club rossoblù gli aveva aperto le porte del grande calcio che però non è riuscito a sfruttare ed è stato dirottato prima nel Regno. Unito, poi Sud America e a seguire Grecia e tra poco quasi sicuramente là dove sorge il sole in Giappone.

La scelta della società guidata da Giulini non è chiara anche perché Ibarbo compirà 27 anni a maggio prossimo, quindi è ancora giovane e sarebbe potuto rientrare nei piani di ringiovanimento della squadra che ha molti “maturi” calcisticamente parlando, tra le sue fila.

Quindi la scelta può essere tecnica anche se Rastelli aveva benedetto il suo rientro. Mistero che sarà di certo svelato nei giorni prossimi e che potrebbe essere una sorta di scambio pedina per puntare su un acquisto extracomunitario giovanissimo che il Cagliari ha già adocchiato e che non vuole farsi scappare. Lo sapremo sicuramente a breve.

Commenta!

14 − 4 =