Onnis, Riformatori “Gestione dello sport Kafkiana, eppure   Cagliari è stata nominata “Capitale dello Sport  Europeo per il 2017”

Il consigliere comunale dei Riformatori tuona contro l’assessore dello sport Marcialis: “Gli uffici preposti da lui guidati, non hanno la consapevolezza di quale sia il patrimonio delle strutture a destinazione d’uso e impiantistica sportiva e del panorama delle società ed associazioni orbitanti intorno ad esso”

redazione

Si è svolta stamattina alle ore 10 presso il campetto comunale di via Oslo, una conferenza stampa, dove il Consigliere Comunale dei Riformatori Raffaele Onnis ha dichiarato:

 “La situazione della gestione dello sport in città è Kafkiana, se si considera che Cagliari è stata nominata capitale dello Sport  Europeo per il 2017.  Non esiste una politica di gestione, non esiste una politica economica, non esiste una politica di pianificazione delle attività sportive. Lo ha dichiarato l’amministrazione del comune di Cagliari  nella persona dell’Assessore Comunale allo Sport in audizione nella seduta della Commissione Sport tenutasi in data 16 Gennaio 2017.

 Gli uffici preposti da lui guidati, non hanno la consapevolezza di quale sia il patrimonio delle strutture a destinazione d’uso e impiantistica sportiva e del panorama delle società ed associazioni orbitanti intorno ad esso, ne tantomeno un quadro economico complessivo. Una corretta gestione, programmazione e pianificazione degli interventi economici ed  attività in tema di sport,” ha concluso Onnis “non può prescindere dal quadro complessivo generale, dal conoscere quali siano esattamente le suddette pertinenze e le realtà che orbitano intorno ad esse.”

Onnis ha spiegato ancora  che   “Attraverso una mozione che è già stata protocollata nell’Ufficio di Presidenza firmata da tutti i banchi dell’opposizione, si chiede al Sindaco ed alla Giunta, di porre in essere tutte le azioni necessarie, affinché gli uffici preposti possano risolvere tale lacunosa situazione e  si proceda entro tre mesi alla redazione:

  • di un censimento di tutte le strutture ed impianti comunali a destinazione d’uso sportivo, compresi quelli attualmente in fase di realizzazione e progettazione.
  • di un censimento di tutte le società orbitanti sui suddetti impianti e relative concessioni, convenzioni o qualsivoglia forma di utilizzo, riportando la modalità di assegnazione, le date di stipula e la durata del rapporto in essere.
  • per ognuna realtà, del bilancio degli ultimi 3 anni, comprensivo degli eventuali ricavi e di tutti gli oneri in capo ai diversi soggetti, come i costi vivi legati ai consumi idrici, elettrici, per il riscaldamento, i costi per la custodia e vigilanza,
  • i costi per l’ordinaria e la straordinaria manutenzione e qualsivoglia altra spesa.
  • ove richiesto dallo stato dei luoghi, di un prospetto di tutti gli interventi indispensabili per la riqualificazione e utilizzo degli impianti stessiE procedano inoltre  alla pubblicazione e costante
  • aggiornamento dei suddetti dati nel sito istituzionale del Comune di Cagliari

Unitamente a questa è stata presentata una mozione, anche questa sottoscritta da tutti i banchi dell’opposizione, per il recupero del campo di Via Oslo, che con un intervento economico modesto, consentirebbe una fruizione dello spazio aperto e gratuito per la pratica dello sport e tutti i benefici da essa derivanti”.

 

 

Commenta!

due × tre =