Presidio dei lavoratori alla Stazione Marittima di Cagliari

Oggi sciopero generale dei lavoratori portuali in tutta Italia. Preoccupazioni dei sindacati sardi per l’occupazione nell’isola.

di Antonio Tore

Stamattina, in concomitanza con lo sciopero nazionale proclamato da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, si è svolto alla Stazione Marittima di Cagliari il presidio dei lavoratori portuali.

Le ragioni dello sciopero, che proseguirà fino alle 24, sono legate al sostegno del “Correttivo Porti”, un emendamento alla legge di bilancio al vaglio del Parlamento in questi giorni: “L’obiettivo – ha spiegato la segretaria Filt Cagliari Massimiliana Tocco – è integrare la Riforma dei Porti approvata nel 2016, prevedendo tra l’altro anche misure di flessibilità per affrontare le nuove sfide che si stanno presentando nella portualità, anche nel nostro territorio, a seguito dei mutamenti intervenuti nel mercato internazionale”.
Secondo i sindacati, senza le condizioni necessarie a migliorare la competitività, ci sarebbe il rischio di  ridimensionare la portualità italiana.

Commenta!

5 × 5 =