Servitù Militari: arrivano contributi per i Comuni sardi

È  necessario, da parte delle amministrazioni, elaborare e inviare alla presidenza della Regione la programmazione degli interventi che si intendono avviare come  prevede la legge,  cioè  opere pubbliche e servizi sociali

 redazione

Il Ministro delle Finanze Pier Carlo Padoan ha firmato il decreto che quantifica i parametri per l’erogazione del contributo ai Comuni maggiormente oberati da servitù militari. Lo annuncia il presidente della Regione Francesco Pigliaru, in una lettera inviata questo pomeriggio ai sindaci dei Comuni interessati e al Presidente dell’Anci regionale, in cui spiega di averne ricevuto oggi comunicazione formale.

“La Difesa, come da notizie forniteci, stima di poter chiudere tutte le procedure per il trasferimento delle risorse alle Regioni nel tempo di un mese”, prosegue Francesco Pigliaru, che cita l’incontro dello scorso 13 aprile. In quell’occasione, ricorda il Presidente, “abbiamo condiviso la necessità di una nostra costante interlocuzione in materia di incidenza della presenza militare nell’Isola, con particolare riferimento alla questione legata ai contributi. È una notizia che stavamo attendendo e il percorso amministrativo non è ancora concluso. Rinnovo, pertanto l’impegno della Presidenza a voler seguire costantemente anche gli ultimi passaggi procedurali.”

La lettera si chiude ricordando ai Sindaci che è necessario, da parte delle amministrazioni, elaborare e inviare alla Presidenza la programmazione degli interventi che si intendono avviare utilizzando tali risorse che, come prevede la normativa, “devono essere destinate alla realizzazione di opere pubbliche e servizi sociali nei Comuni.”

 

 

Commenta!

1 × 3 =