Sinnai presente  allo  sciopero globale  contro al violenza

La collettiva Ominas aderisce allo sciopero dell’8 marzo 2017  e vuole coinvolgere tutta Sinnai. La partenza è fissata per le 8 del mattino, dai parcheggi del cimitero

di Francesca Pisu

Con lo slogan «Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo» le donne (e gli uomini) d’Italia sono uniti per scioperare contro la violenza, grazie alla rete “Non una di Meno”. La manifestazione pacifica si svolgerà anche a Cagliari, con incontro in viale Buoncammino alle 9,30 dell’8 marzo 2017; dal viale partirà il corteo che si dirigerà verso piazza del Carmine e la lotta continuerà fino alle 22.

La collettiva Ominas aderisce allo sciopero e vuole coinvolgere tutta Sinnai; la partenza è fissata per le 8 del mattino, dai parcheggi del cimitero. Si cerca di creare una rete unica in tutta la Nazione per manifestare tutti insieme contro diverse violenze, che ogni giorno riempiono le pagine della cronaca nera: la violenza maschile e machista su lesbiche, trans, queer, bisessuali, eterosessuali e intersessuali; la criminalizzazione dell’aborto e l’obiezione di coscienza; la violenza patriarcale del mercato e del debito; la violenza della guerra e del militarismo; la violenza delle politiche anti-migranti; la violenza di Stato delle incarcerazioni.

Il movimento sciopera anche per l’autodeterminazione dei corpi e dei desideri, per un’educazione e un’istruzione libere dagli stereotipi di genere, per la libera circolazione delle persone e per il riconoscimento del lavoro. Insomma, le tematiche sono differenti e sicuramente coinvolgono tutti i sessi e tutte le etnie, per cui il mese prossimo si assisterà a un evento di grande portata che andrà dal sud al nord Italia.

Sinnai, nel suo piccolo, contribuirà alla buona riuscita di questa manifestazione.

 

Commenta!

due + 3 =