Tiscali: saranno liquidati gli stipendi e il fondo pensioni complementari fino alla mensilità di ottobre 2016

Ieri si è svolto un incontro tra l’Azienda Tiscali, la Rsu e le organizzazioni sindacali territoriali sui temi che hanno determinato la proclamazione dello stato di agitazione

redazione

L’azienda ha comunicato che ha provveduto alla completa erogazione delle retribuzioni nonché alla regolarizzazione delle competenze relative al fondo Telemaco (fino alla mensilità di ottobre 2016) in data 11 gennaio.
In merito alla delicata e complessa attività di riorganizzazione aziendale è stato fornito uno spaccato delle operazioni in atto e di quelle concluse.
L’azienda ha ribadito la coerenza delle operazioni in itinere rispetto alle dichiarazioni fornite dall’Ad nella presentazione del piano industriale in ordine ai settori che gestiranno la commessa SPC.
Inoltre, in riferimento all’esternalizzazione dei servizi di Information Technology, l’azienda ritiene che Engineering possa focalizzare e valorizzare al meglio le professionalità e le competenze del settore , migliorando la produttività e i processi.
A fronte della esternalizzazione di queste attività, delle cessioni in atto e degli incentivi all’esodo, ha inoltre condiviso con i sindacati la necessità della sospensione del Contratto di Solidarietà per tutta l’azienda.
A partire dai prossimi giorni si svolgeranno i prescritti incontri procedurali con la società Engineering Sardegna srl e le osservazioni dei sindacati saranno oggetto di preventiva discussione coi lavoratori in assemblea. È chiaro che le rappresentanze dei lavoratori non intendano prendere in considerazione l’estensione dell’applicazione del Contratto di Solidarietà per le 170 persone coinvolte.
Sull’area Media, l’azienda conferma la centralità del portale “tiscali.it” ma riserva le proprie decisioni condizionandole a riorganizzazioni in atto. Riorganizzazioni e valutazioni che, a detta aziendale, determineranno il chiarimento dello scenario del settore, non prima del mese di febbraio.
In ogni caso, Sls Cgil chiedono che le operazioni gestionali siano svolte con la massima trasparenza e il più ampio coinvolgimento dei lavoratori.
A parere dei sindacati “l’azienda Tiscali sta cambiando pelle e ha già fortemente ridimensionato il proprio organico”.
Slc Cgil ritiene che le eccellenze presenti in azienda e la strategicità industriale dell’azienda, per i lavoratori e per l’intera regione, non possano essere oggetto di ulteriore indebolimento. In tal senso controllerà costantemente le azioni del management per garantire la continuità e lo sviluppo dell’azienda e di tutti i lavoratori Tiscali.

Commenta!

16 + 11 =