Assemblea della Pro loco di Cagliari

di Roberta Manca

Sabato 19 dicembre si è tenuta l’Assemblea dei soci della Pro Loco di Cagliari nel corso della quale si sono trattati alcuni aspetti tecnici riferiti alla iscrizione nel Registro regionale delle Pro Loco tenuto dalla RAS Assessorato al Turismo, e sono stati analizzati i rapporti con l’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco) della Sardegna. Nel corso dell’incontro si è parlato anche della recente costituzione di un’ altra Pro loco cittadina che nei giorni scorsi è venuta all’attenzione della cronaca per via di discutibili operazioni e richieste di finanziamento inoltrate alla Regione e alla Unione europea e dopo solo circa un anno dalla costituzione e di cui si è occupata anche la stampa nazionale.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/12/18/sardegna-il-consigliere-di-centrodestra-vuole-dare-650mila-euro-allassociazione-composta-da-amici-ed-ex-parenti-no-della-commissione/6040633/

Per quanto accaduto il C.d.A. della Pro Loco di Cagliari ha dato mandato al Presidente Prof. Roberto Copparoni di salvaguardare la Pro Loco di Cagliari e di tutelarne la sua immagine, nonostante sia in scadenza di mandato.

L’appuntamento è stato fissato per il 23 gennaio per il rinnovo delle cariche associative e per l’avvio di un positivo dialogo con il Comune di Cagliari e l’Assessorato regionale del Turismo al fine di far dichiarare la illegittimità di un fantomatico sodalizio, una scatola vuota, da riempire forse con contributi e finanziamenti senza possedere alcun esperienza o iniziativa, perpetrando un sopruso che prima di essere giuridico è etico, visto la Pro Loco di Cagliari, quella vera, è stata costituita con atto pubblico il 18 ottobre 2012 e di cui “loro” ben sapevano della esistenza, tanto è vero che hanno deciso di darsi un altro nome, per nulla originale, ovvero “Pro Loco Città di Cagliari”.

“E’ incredibile” come ha detto il Presidente Copparoni, ” che possano verificarsi queste anomale situazioni che in uno Stato di Diritto non dovrebbero accadere”. Purtroppo anche il Comune di Cagliari non ha ben operato al riguardo, perchè prima il Sindaco Zedda rifiutò l’accreditamento della Pro loco sostenendo che il Comune avesse le competenze necessarie per assolvere ai compiti di una Pro Loco (riferendosi alle competenze soppresse delle AAST) e che pertanto non fosse necessario riconoscere un ente a suo dire inutile e poi anche il Sindaco Truzzu non ha dato alcuna risposta in merito al riconoscimento della Pro Loco di Cagliari.

Nelle foto alcuni momenti dell’Assemblea

https://www.cagliaripad.it/513785/pro-loco-cagliari-copparoni-la-nostra-associazione-nata-nel-2012/?fbclid=IwAR2VuZa9r46CiTXSbIbq7pCgDP4yg6vCFbHxSzvmbw4omBfLpJXkrU4xIP4

Commenta!

6 + 19 =