Cagliari: giochi, attività e spettacoli in lingua sarda per la Giornata Europea delle Lingue

L’appuntamento è per il 26 settembre a Cagliari nel Corso Vittorio Emanuele  e a Nuoro al Museo del Costume

 redazione

Giochi, attività e spettacoli in lingua sarda per celebrare la Giornata Europea delle Lingue per il 26 settembre a Cagliari nel Corso Vittorio Emanuele e a Nuoro al Museo del Costume.

Per questa importante Giornata, festeggiata in tutta Europa, sono state organizzate attività per bambini, programmi televisivi e radiofonici, corsi di lingua e conferenze. “É un appuntamento significativo e sentito – ha detto l’assessore della Cultura Giuseppe Dessena – e in questo contesto la promozione della lingua sarda, specie tra i giovanissimi e gli studenti, i veri protagonisti della sopravvivenza della lingua e delle tradizioni, acquista un valore ancora più importante: il sardo si misura ad armi pari con tutte le altre lingue, dimostrandosi capace di veicolare qualsiasi messaggio”.

Le attività. Sono organizzate dallo Sportello linguistico regionale in collaborazione con Camineras, Eurodesk e Comune e Città metropolitana a Cagliari, mentre a Nuoro con ISRE, Europe direct e Comune, al fine di incrementare il plurilinguismo e la comprensione interculturale. “La lingua – ha proseguito Dessena – è la nostra forza e la diversità linguistica è uno strumento utile per una migliore comprensione interculturale: una chiave per aprire la mente. Dobbiamo essere sempre più consapevoli che parlare e scrivere in sardo non è impedimento per la conoscenza di altre lingue ma, al contrario, ne favorisce l’apprendimento”.

(Sito ufficiale Giornata Europea delle Lingue: http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx)

Comunicadu a s’imprenta

DIE EUROPEA DE SAS LIMBAS, FAINAS IN CASTEDDU E NÙGORO. DESSENA: “SU SARDU S’ACARAT CHE PARE CUN SAS ÀTERA REALIDADES”

Giogos, fainas e ispetàculos in limba sarda pro afestare sa Die Europea de sas Limbas. S’atopu est pro su 26 de cabudanni in Casteddu in su Cursu Vittorio Emanuele, mentras in Nùgoro at a èssere in su Museu Etnogràficu Sardu.

Sa Die de sas Limbas l’ant a afestare in totu Europa e ant ammaniadu fainas pro sos pipios, programmas in televisione e in sa ràdiu, cursos de limba e cunferèntzias. “Est un’atòbiu de importu e de giudu – at naradu s’Assessore a sa Cultura Giuseppe Dessena – e de custu ghetu sa promotzione de sa limba sarda, mescamente intre de sos prus pitzinnos e sos dischentes, tenet prus balia, ca los fàghet protagonistas poderende e chistende sa limba e sas traditziones nostras, ca su sardu est che a sas àteras limbas e podet chistionare de calesisiat cosa”.

Sas fainas. Las ant ammaniadas s’Isportellu linguìsticu regionale paris cun Camineras, Eurodesk, sa Tzitade metropolitana e su Comunu in Casteddu, mentras in Nùgoro l’as ant fatas paris cun s’ISRE, Europe direct e su Comunu de su cabu de logu barbaritzinu, a tales de afortiare su plurilinguismu e si cumprèndere a pare cun culturas diferentes: una crae pro abèrrere sa mente. Nos nde depimus sapire de prus chi chistionende e iscriende in sardu no est unu istrobbu pro connòschere àteras limbas ma, a s’imbesse, est de giudu pro las imparare”.

(Su giassu ufitziale Die Europea de sas Limbas: http://edl.ecml.at/Home/tabid/1455/language/it-IT/Default.aspx)

Commenta!

sette + sei =