Il Cagliari lascia Pejo

Oggi, dopo la seconda seduta della giornata, la squadra si sposterà verso Brescia. Domani alle 17 affronterà la squadra delle “rondinelle” a Palazzolo sull’Oglio

di Antonio Tore

Il Cagliari saluta Peio dopo quasi due settimane di duri allenamenti e prove tattiche per il prossimo campionato di serie A.

I giocatori, ieri, sono saliti a quota 3000, fin sulla cima del monte che sovrasta la valle di Peio, dove hanno sventolato la bandiera rossoblù . Poi, mille metri più in basso, la cena e un saluto alla gente di Peio, come sempre ospitale e affettuosa nei confronti della squadra.

Domani (la  sede è ancora da definire) consueto allenamento  e, di pomeriggio, la gara con le rondinelle bresciane,  una formazione allestita per ben figurare nel campionato di Serie B. Un test in cui  Rastelli darà spazio soprattutto a coloro che dovrebbero essere candidati essere  titolari in campionato, mentre le cosiddette seconde linee entreranno in campo a partita iniziata.

In questi giorni, la società rossoblù è ancor impegnata a definire gli ultimi tasselli mancanti per la squadra. Le ultime notizie darebbero per fatto il doppio scambio con la Juventus: Romagna, il centrale difensivo a lungo seguito, avrebbe accettato il trasferimento al Cagliari e potrebbe unirsi al gruppo ad Aritzo, consueta sede della terza parte del ritiro, dal 25 al 30 luglio.

Del Fabro, quindi, è in partenza verso la Juventus, che, comunque,  lo girerebbe proprio al Brescia per permettergli di maturare e crescere nel campionato cadetto, in attesa di un suo eventuale volo futuro verso Torino.

E mentre Isla sta per firmare con i turchi del Fenerbache e dovrà versare un indennizzo al Cagliari di oltre un milione di euro,  il Perugia  spinge per il prestito di  Colombatto, mentre Krajnc potrebbe accasarsi a Parma.

Commenta!

8 + 10 =