Cagliari: con Sassuolo e Chievo due occasioni per continuare la striscia positiva di risultati

Massimo Rastelli, in conferenza stampa, sprona la squadra rossoblù in vista delle due partite consecutive al Sardegna Arena

di Antonio Tore

“Il Sassuolo non sembra attraversare un momento favorevole, ma è sempre una squadra che ha la sua ossatura di riferimento da parecchi anni. Non dimentichiamo che l’anno scorso ha disputato ottime partite sia in campionato che in Europa League”.

Sono le parole di Massimo Rastelli, alla vigilia dell’incontro della quinta giornata di campionato con la squadra emiliana.

L’allenatore rossoblù non ha sciolto i dubbi sulla formazione che scenderà in campo, pur confermando la lista dei convocati senza variazione rispetto alla partita con la Spal.

“E’ necessario riflettere ancora e, perciò voglio parlare con tutti per valutare le loro condizioni. Questi due giorni abbiamo lavorato per far recuperare totalmente coloro che hanno giocato a Ferrara, dopo di che deciderò chi mandare in campo dal 1 minuto – ha continuato l’allenatore.

“Il Sassuolo a Bergamo non meritava di perdere e ha messo in difficoltà anche la Juventus. La squadra emiliana ha giocatori difensori forti ed esperti, di qualità in mezzo al campo e in attacco. I bianco verdi fanno del pressing una loro arma e attenderanno un nostro errore o una nostra distrazione per colpire”.

“La partita con la Spal fa parte ormai della storia di questo campionato, ma dobbiamo abituarci a pensare che ciò che importa è la gara successiva. La squadra dovrà far girare il pallone velocemente per evitare il loro pressing e trovare le combinazioni giuste per colpire. Siamo reduci da due vittorie consecutive, ma non dobbiamo montarci la testa e affrontare ogni gara con lo spirito giusto. Le due partite consecutive al Sardegna Arena sono occasioni che dobbiamo cogliere per conquistare punti importanti per il futuro e mettere in discesa, quanto prima, la strada verso la salvezza. E contiamo sul tifo del nostro pubblico: nella Sardegna Arena vogliamo giocare sempre in dodici”.

“Un passo avanti rispetto alla stagione passata è dato dal fatto che in queste prime quattro partite la squadra è rimasta sempre in partita, sia che gli avversari si chiamassero Juventus e Milan o Crotone e Spal – ha concluso Rastelli- . Questa deve essere la nostra strada, senza illuderci né abbassare la guardia, ma andare avanti con determinazione ed umiltà perché questo campionato sarà molto più difficile di quello dell’anno scorso. Dobbiamo mettere decisione e attenzione nei dettagli per dare un seguito al nostro momento positivo”.

Commenta!

venti + sette =