Cagliari: Via Mazzini a rischio attacchi terroristici

Le nuove misure sugli attacchi terroristici potrebbero avere un impatto sulla viabiita del centro storico di Cagliari. Via Mazzini principale via di uscita da Castello potrebbe essere chiusa in via definitiva.

di Annalisa Pirastu

 

Lo stop alla percorrenza delle auto in via Mazzini diventa per il momento una misura cautelare per le norme antiterrorismo.

L’assessore alla Mobilità Luisa Anna Marras ha spiegato ieri in Consiglio Comunale che la Prefettura e la Questura stanno valutando se riaprire l’uscita da Castello, che avviene attraverso la Porta dei Leoni. Le auto che scendono da via Mazzini potrebbero infatti sollevare problemi di sicurezza sul traffico pedonale

Un anno fa a Nizza un camion si scagliò a tutta velocità  sulla folla, uccidendo vari passanti. Episodi terroristici con simili modalità, si sono verificati in Germania, Inghilterra e Stati Uniti. Per ovviare a questa “moderna” forma di terrorismo, le nuove misure di sicurezza prevedono che si limiti la possibilità ai veicoli, di raggiungere le zone affollate e soprattutto che gli stessi possano sfrecciare ad alte velocità.

Il divieto di uscire da Castello passando per via Mazzini, piazza Martiri e via Manno fino a piazza Costituzione, si inserisce nell’ottica di evitare passaggi di auto in zone a forte passaggio pedonale.

La chiusura di quel tratto di strada però sta creando non pochi problemi agli abitanti di Castello, e in primis a coloro che abitano in via Mazzini, via Spano e via Cima. Al momento sono  costretti ad allungare il loro percorso,  per poter uscire dai parcheggi di via Cammino Nuovo.

Raffaele Onnis dei Riformatori ha evidenziato i problemi degli abitanti delle zone interessate, in una interrogazione. La vice sindaca ha colto l’occasione per rispondere fornendo le motivazioni di sicurezza.

Onnis però ha precisato che il passaggio è stato chiuso per aprire il cantiere di via Manno che oramai però è chiuso. Il percorso della linea 7 viene penalizzato perché non attraversa tutto il rione ma entra ed esce da piazza Arsenale.Il Ctm potrebbe ripensare il percorso agevolando l’accesso coi bus alla parte alta, semplificando gli spostamenti tra le varie zone pedonali.

Il sindaco Massimo Zedda pur non pronunciandosi sulla possibile riapertura di via Mazzini, comunica che sono in corso accordi col Ctm per la mobilità elettrica, che permetterà di circolare in centro.

Si sta valutando un sistema di trasporto, probabilmente  gratuito, ha annunciato il sindaco, con mezzi che si usano già in altre città Europee, nei centri storici che hanno dimensioni ridotte rispetto agli altri quartieri delle città. Si tratta di piccoli bus da circa 10 posti che saranno utilizzati per il trasporto di residenti e turisti nei tratti pedonali da via Paoli al  corso Vittorio Emanuele.

I due sistemi di trasporto nella parte alta e nella parte bassa, con mezzi diversi, dovrebbero sopperire a ogni necessità e ovviare al pericolo degli attacchi terroristici.

 

Commenta!

17 + 1 =