Chia: dalle dune emerge un cadavere con una lanterna in mano

 

di Annalisa Pirastu

E’ vecchio di secoli probabilmente il cadavere che è stato ritrovato a Chia. Lo scheletro è stato rinvenuto con una lucerna finemente lavorata, ancora stretta nella mano ed è perfettamente conservato.

La scoperta è stata fatta dopo i violenti nubifragi delle ultime settimane che evidentemente hanno scoperchiato tratti profondi di sabbia nelle dune di Chia.

Un bagnante che si trovava a Cala Cipolla, ha allertato le forze dell’ordine dopo aver notato un teschio che affiorava dalla sabbia. Guidati dal maresciallo Fabrizio Pilia, i carabinieri della stazione di Domus de Maria, hanno riesumato i resti umani in mattinata.

I resti sarebbero di un uomo, secondo i primi rilievi. Gli archeologi saranno preposti a studiare i resti trovati in modo da datarli storicamente. Importante in questo senso è il ritrovamento della lanterna che il cadavere stringe in mano perchè anche questa aiuterà nella ricostruzione storica.

Le forze dell’ordine sono state coadiuvate dal personale di un’agenzia funebre per riesumare il cadavere facendo emergere uno scheletro intero, in buono stato di conservazione.

La scoperta dello scheletro desta però preoccupazione perché evidenzia lo stato di erosione delle dune di Chia che i temporali delle settimane scorse sembrano aver aggravato.

Commenta!

20 − 5 =