La Giunta regionale ha deciso: l’ex ospedale Marino di Cagliari diventerà un albergo

La Regione e il Comune di Cagliari in sintonia per proseguire la riqualificazione del litorale. Dopo il Lungomare si punterà a valorizzare l’ippodromo, l’ex Hotel Golfo degli Angeli e il parco di Molentargius. Sarà necessario, prima, adattare il Puc (Piano Urbanistico Comunale) al Ppr (Piano Paesaggistico regionale)

 

di Antonio Tore

 

Dopo la delibera adottata martedì scorso dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’urbanistica Cristina Erriu, il Presidente Pigliaru, lo stesso assessore Erriu e la vicesindaca del Comune di Cagliari, Luisanna Marras hanno presentato il piano per la riqualificazione dell’ex ospedale Marino di Cagliari, mirata alla riconversione in struttura turistico-ricettiva.

Dopo la conclusione della lunga vicenda giudiziaria, la Regione si è mossa per dare una risposta alle varie idee sorte per il futuro della struttura, degradata dal tempo, dalla incuria e dai soliti vandali e sbandati.

Spariranno, quindi, detriti, rifiuti e ferri arrugginiti che fanno apparire la struttura come un brutto rudere che fa sfigurare un punto dell’arenile in cui la sabbia è ancora bianca come un tempo. Il prospiciente “Pronto soccorso” sarà completamente demolito.

“Avremmo voluto intervenire qui fin dal primo giorno – ha detto il presidente Francesco Pigliaru – ma, come tutti sanno, era in corso una lunga vicenda giudiziaria, che abbiamo seguito con molta attenzione e con un’idea molto chiara della direzione da prendere non appena si fosse sbloccata”.

“Quando è successo – ha proseguito – siamo stati pronti ad agire subito per accelerare il processo, e il passaggio di destinazione da ospedale a struttura turistica è dettato dal più evidente buonsenso. Lo straordinario intervento portato avanti sul Poetto dal Comune di Cagliari, con cui lavoriamo in stretta condivisione, riserva ancora un grande potenziale, e questo edificio monumentale è destinato a diventarne un tassello importante. La Sardegna ha ben poche strutture sul mare, ed è una fortuna, ma quelle che esistono abbiamo il dovere di utilizzarle al meglio. Questa è un’eccellenza – ha concluso Francesco Pigliaru – e, cancellato il passato sbagliato, ora possiamo scrivere un futuro giusto”.

“Abbiamo voluto riconoscere – ha sottolineato l’assessore Erriu – il preminente interesse generale e la rilevanza regionale degli interventi di valorizzazione e riqualificazione che riguarderanno l’ex ospedale Marino, il retrostante ippodromo e le aree pubbliche prossime a questi due compendi, in particolare quelle retrostanti all’attuale ospedale (un tempo Hotel Golfo degli Angeli), tra loro fisicamente e funzionalmente connesse. La Direzione generale della Pianificazione urbanistica, territoriale e della vigilanza edilizia avvierà immediatamente con il Comune di Cagliari le necessarie interlocuzioni per rendere attuabile la nuova destinazione del compendio attraverso la modifica dell’attuale strumento urbanistico. Successivamente, la Direzione generale degli Enti locali e finanze potrà avviare le procedure per l’affidamento in concessione dell’ex ospedale Marino per finalità turistico ricettive. L’intervento si inserisce nell’ambito del più generale progetto di riqualificazione del litorale del Poetto, già avviato dal Comune di Cagliari di concerto con la Regione”.

“Un altro passo avanti importante per la valorizzazione del Poetto e della città”, ha commentato Luisa Anna Marras, vicesindaco di Cagliari. “L’impegno dell’Amministrazione comunale è quello di approvare in tempi rapidi la variante urbanistica che permetterà alla Regione di avviare le procedure della gara. Dopo la riqualificazione del Lungomare, l’ex Ospedale Marino trasformato in struttura turistico-ricettiva darà un valore aggiunto a una delle spiagge urbane più belle del Mediterraneo: importante, in chiave turistica e di sviluppo economico, anche il fatto che con la Regione si punta al rilancio dell’area dell’ippodromo e del Parco del Molentargius”.

 

GUARDATE IL VIDEO

 

 

Commenta!

18 − 14 =