Sabato 12 agosto al Lazzaretto di Cagliari andrà in scena la quarta edizione del “Mandela Day”.

Al centro dell’evento esposizioni fotografiche, azioni, incontri e dibattiti focalizzati sulla sensibilizzazione alla cultura della pace. La sera spazio alla musica con Dirty Wipes, Alberto Sanna e La Casa del Vento.

di Antonio Tore

Si è svolta stamattina nel Palazzo Siotto la conferenza stampa di presentazione della quarta edizione del Mandela Day che si svolgerà sabato 12 agosto nello spazio del Lazzaretto di Cagliari. La manifestazione è stata presentata da Simone Cavagnino, alla presenza di molte delle associazioni organizzatrici dell’evento.

La giornata di festa internazionale è nata per celebrare la memoria del premio Nobel per la pace Nelson Mandela, primo presidente sudafricano a essere eletto dopo la fine dell’apartheid nel suo Paese, uomo simbolo dell’uguaglianza e dell’antirazzismo durante tutta la sua vita in lotta per difendere la pace e la libertà di pensiero. Madiba (questo è il nomignolo con il quale veniva chiamato all’interno del clan dell’etnia Xhosa) fu tenuto in prigione dall’agosto 1962 per lunghi 27 anni, e rifiutò sempre la strategia violenta e vendicativa in favore di un processo di riconciliazione e pacificazione. Nel 1993 fu insignito del Premio Nobel per la pace. Morì il 5 dicembre 2013 all’età di 95 anni.

La giornata, istituita dall’ONU nel 2009, si terrà il prossimo 12 agosto ed avrà al centro azioni, incontri, tavole rotonde e dibattiti focalizzati sulla sensibilizzazione alla cultura della pace e dell’accoglienza, temi strettamente connessi alle vicende drammaticamente attuali legate ai fenomeni migratori che ogni giorno registrano numerose vittime nell’area mediterranea.

Anche la musica sarà protagonista nell’ultima parte della giornata, con i concerti dei Dirty Wipes, del cantautore sardo Alberto Sanna e della storica formazione folk toscana La Casa del Vento.

La rassegna è organizzata dalle associazioni  La Rosa Roja, MezclaIntercultura, Madiba Sinnai, e la Caritas Diocesana, con l’adesione, tra gli altri, di Emergency e Save The Children,  del Forum Sad, la Rete Sarda per il Sostegno a Distanza, l’Associazione Culturale Alfabeto del Mondo, Sardegna PalestinaAsce Sardegna,  Sunu Gaal e Il Gruppo Cittadinanza Senza Limiti.

L’ingresso all’evento è gratuito.

IL PROGRAMMA – La quarta edizione del Mandela Day avrà inizio alle ore 17 del 12 agosto con la presentazione ufficiale dell’evento a cura di Elisabeth Rijo (Associazione La Rosa Roja) e Consuelo Dessì (Associazione Mezcla Intercultura). Subito dopo (alle ore 17:30) il festival vedrà al centro la danza con Tiziana Centomani e i laboratori di biodanza sociale “Ubuntu – tutti siamo uno”.

Gli spazi del Lazzaretto verranno aperti successivamente per la visita guidata tra le immagini di alcuni tra i promotori di pace più importanti del nostro tempo. Il viaggio fotografico illustrerà i momenti significativi della vita di Nelson MandelaVittorio ArrigoniThomas SankaraJ. Leopold DominiqueOscar Romero e Don Andrea Gallo.

Un’altra esposizione arricchirà l’edizione di quest’anno: si tratta del progetto Sostiene Sankara (a cura di AMANDA e Kanjano), che racconta la storia del presidente burkinabè Thomas Sankara a trent’anni dalla scintilla rivoluzionaria, attraverso il linguaggio immediato del fumetto e dell’illustrazione. Le sue idee sono materia viva, il migliore degli inchiostri per disegnare  storie nuove, attuali e rivelatrici.  Il rivoluzionario presidente ha delineato traiettorie precise e indicazioni da seguire quotidianamente e le sue idee sono state fonte d’ispirazione per artisti, fumettisti ed illustratori. Gli autori coinvolti in Sostiene Sankara sono Aka B, Roberto Biadi, Mauro Biani, Maurizio Boscarol, Toni Bruno, Fabrizio Des Dorides e Andrea Chronopoulos, Christian Ghisellini, Kanjano, Collettivo Latrones, Rocco Lombardi, Simone Lucciola, Vito Manolo Romano, David Romero e Daniele Serra. Gli artisti hanno realizzato brevi storie a fumetti, ciascuna ispirata (ed intitolata) a ognuno dei capisaldi del Sankara-pensiero. La mostra è stata prodotta dall’Ass. Culturale Sustainable Happiness in occasione del Festival “Alig’Art 2012, alla maniera di Sankara”.

Alle 18:30 il palcoscenico ospiterà il dibattito dal titolo “Quale futuro: bombe o accoglienza? Scenari, contesti, sviluppi” nel quale si approfondiranno le conseguenze e i risvolti sociali, culturali, economici e occupazionali del nostro tempo, attraverso un’analisi approfondita dei fenomeni socioeconomici in atto nell’area mediterranea. Alla discussione parteciperanno Diego Serra (Sprar città metropolitana “Emilio Lussu”), Ahmadou Gadiaga (Associazione Yakaar), Antonello Pabis (Asce Sardegna), Roberto Loddo (Ero Straniero / Il manifesto sardo) e Arnaldo Scarpa (Comitato Riconversione RWM per la pace, il lavoro sostenibile, la riconversione dell’industria bellica e il disarmo).

Alle 21 a farla da padrona sarà la musica, con l’esibizione dei Dirty Wipes, formazione di San Sperate composta da Luca Spiga e Elisa Banchero alla voce, Gabriele Serra (basso), Claudio Casti (chitarra), Daniele Landis (batteria e percussioni) e Fabio Tidili (tastiere).

I riflettori illumineranno successivamente il cantautore sardo Alberto Sanna, poliedrico artista cagliaritano proteso verso una continua evoluzione artistica e umana. Il musicista racconterà al pubblico del Mandela Day le storie che in trent’anni di carriera l’hanno accompagnato nei palcoscenici di tutta la Sardegna.

Chiuderà la serata la formazione toscana La Casa del Vento, che in tre lustri di lavoro incessante nel panorama nazionale ha fatto dell’impegno sociale il fulcro attorno al quale ruota la propria creatività. Sei album, un’antologia e quattro progetti speciali formano, ad oggi, il percorso discografico di quello che è uno dei gruppi più longevi e coerenti della scena folk italiana. Sul palco saliranno Luca Lanzi (voce, chitarra acustica e banjo), Sauro Lanzi (fisarmonica, tromba, trombone e thin whistle), Massimiliano Gregorio (basso), Fabrizio Morganti (batteria e percussioni), Andreas Petermann (violino) e Francesco “Fry” Moneti (chitarra elettrica, dobro, violino e steel guitar).

Durante la giornata negli spazi del Lazzaretto verranno allestiti i banchetti e gli stand delle associazioni coinvolte che proporranno al pubblico della manifestazione degustazioni e assaggi di cucina internazionale.

Commenta!

tre × 1 =