Sant’Efisio: una occasione per conoscere Stampace

Anche quest’anno la Pro Loco di Cagliari ha organizzato una visita guidata per conoscere uno dei quartieri piu suggestivi della città di Cagliari. Quartiere che più di altri è fortemente legato al Santo Co-Patrono della Sardegna: Efisio.

In occasione dei festeggiamenti il rione rivive di mille luci, profumi e colori e si anima per onorare al meglio la tradizione del Santo guerriero che convertitosi al cristianesimo subì delle atroci torture e morì a Nora dove ogni anno la processione arriva da Cagliari. Sono tre giorni di festeggiamenti a cui tutti i sardi in generale, ma non solo, e tanti cittadini di cagliari sono fortemente legati.

Di particolare importanza è la processione che dalla chiesa di Sant’Efisio a Stampace giunge fino alla chiesa di Sant’Efisio in Giorgino dove viene cambiato il cocchio che porterà in simulacro del santo fino a Nora e dove dopo tre giorni farà ritorno a Cagliari. Una festa a cui i cagliaritani non rinunciano ad assistervi perché estremamente legati alla figura di questo santo che liberò Cagliari dalla peste, dai bombardamenti e dalla guerra.

Per l’occasione sfilano a Cagliari tante rappresentanze in costume tipico . a piedi, a cavallo o sui carri pavesati a festa e quasi tutta la Sardegna è presente con i suoi costumi, tradizioni e religiosità.

Nel corso della visita si è parlato anche del carcere di Sant’Efisio e della Cripta di Santa Restituta nelle cui vicinanze nel 1943 morirono a causa dei bombardamenti degli anglo americani centinaia di cittadini che trovarono l’ingresso del rifugio inspiegabilmente chiuso. Una tragedia che ancora oggi suscita nel pubblico forte emozione.

Commenta!

undici + 20 =